Registro imprese - n° 5 / 2019
le newsletter della Camera di Commercio di Varese
indietroindietro
  • MEDIATORI: Divieto Prosecuzione Attivitą per Mancata Conferma Requisiti
    La procedura di revisione avviata ormai più di un anno fa, finalizzata a verificare in modo dinamico la permanenza dei requisiti previsti per lo svolgimento dell'attività, si riferiva a imprese che in data antecedente al 31 dicembre 2013 hanno presentato l’aggiornamento della propria posizione nel Registro Imprese (in quanto iscritte al soppresso ruolo) o hanno avviato l’attività.
    Alle imprese interessate era stato richiesto di presentare mediante pratica telematica al Registro Imprese la dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto notorio relativa al possesso dei requisiti previsti.
    Nei confronti delle imprese che, pur tenute, non abbiano ancora provveduto agli adempimenti richiesti è stato ora avviato, con determinazione dirigenziale n. 165 dell'8 maggio 2019, il procedimento di inibizione alla continuazione dell’attività di mediazione per mancata conferma del possesso dei requisiti richiesti. 
    Queste imprese sono quindi invitate, e riceveranno al riguardo apposita comunicazione notificata individualmente nei prossimi giorni, a presentare entro il 31 maggio 2019 eventuali controdeduzioni, oppure a trasmettere al Registro Imprese, entro lo stesso termine, l’apposito modello di autocertificazione relativa al possesso dei requisiti.
    La mancata presentazione di tale documentazione entro il termine previsto comporterà l’adozione del provvedimento finale di inibizione alla continuazione dell’attività di mediazione; a seconda dei casi sarà possibile anche l’avvio di procedimenti disciplinari o l’accertamento di violazioni amministrative.
    Le imprese interessate, le associazioni di categoria e gli studi di consulenza sono quindi invitati a prestare la massima attenzione e collaborazione, per ridurre al minimo il rischio di disagi a carico delle imprese stesse.
     


indietroindietro
Periodico Informatico - Registrazione al tribunale di Varese al n.457 del 15/06/1985