Registro imprese - n° 9 / 2019
le newsletter della Camera di Commercio di Varese
indietroindietro
  • MEDIATORI: Divieto Prosecuzione Attivitą per Mancata Conferma Requisiti
    Come noto, ormai più di un anno fa era stata avviata la verifica dinamica dei requisiti dei mediatori immobiliari, riferita in particolare alle imprese che prima del 31 dicembre 2013 avevano presentato l’aggiornamento della propria posizione nel Registro Imprese o nel REA (in quanto iscritte al soppresso ruolo) o una Scia di avvio attività.
    Nei confronti di quanti, pur tenuti, non hanno provveduto agli adempimenti, sono state avviate le seguenti attività:
    - per le persone fisiche iscritte nel REA, controlli d'ufficio sul possesso dei requisiti morali richiesti (DM 26.10.2011, art. 8), che in caso di esito negativo comporteranno la cancellazione d'ufficio dalla suddetta sezione del REA;
    - per le imprese iscritte attive nel Registro Imprese, procedimento di inibizione alla continuazione dell’attività di mediazione per mancata conferma del possesso dei requisiti richiesti (determinazione dirigenziale n. 165 dell'8 maggio 2019), che si è concluso con l'adozione e la notifica agli interessati del provvedimento finale di inibizione (determinazione dirigenziale n. 369 del 7.10.2019).
    I mediatori interessati dal provvedimento di inibizione all’attività hanno tempo fino al 7 gennaio 2020 (90 giorni dalla cessazione dell’attività) per chiedere, a pena di decadenza, l'iscrizione nell'apposita sezione persone fisiche del REA al fine di conservare e mantenere nel tempo il proprio requisito professionale.
    Le imprese e le persone fisiche interessate, le associazioni di categoria e gli studi di consulenza sono invitati a prestare la massima attenzione a questi adempimenti in quanto, come chiarito dal Ministero in un recente parere, le persone fisiche cancellate dalla sezione REA, o cessate al Registro Imprese - senza avere richiesto nei termini il passaggio alla sezione REA -, potranno nuovamente avviare l'attività solo dimostrando il possesso dei requisiti professionali abilitanti previsti dall’attuale normativa (diploma di scuola superiore, corso abilitante e superamento del relativo esame).
    Non sarà quindi più in alcun modo possibile far valere il vecchio requisito dell’iscrizione al soppresso ruolo.


indietroindietro
Periodico Informatico - Registrazione al tribunale di Varese al n.457 del 15/06/1985